domenica 26 luglio 2015

un anno da nonna





PRIMO  COMPLEANNO



torta di rose  salata  con mortadella  caciocavallo, ricotta e pistacchio






torta di compleanno con pdz  effetto marmorizzato

Il commento di Rebecca:

è già passato un  anno e la nostra  piccola  Adele Luce ha spento la sua prima  candelina, che emozione bellissima!
Anche io  oggi  festeggio il mio primo anno da nonna, che  cambiamenti in questo anno , ho imparato ad essere nonna , non è stato automatico  come  tutti mi dicevano , non è stato un innamoramento a  prima  vista, perché i sentimenti si affollavano prepotenti e confusi  da rendermi quasi passiva  davanti  a quella creaturina. un anno fa  . Invece il sentimento è cresciuto giorno dopo giorno , ci siamo viste  e conosciute piano piano ed è cresciuto l'amore ,  ed ora posso dire di essere completamente nonna e di essere innamorata della nostra piccola Adele  Luce.
Per la festa ho preparato la torta come da prescrizione di mia figlia, (doveva avere assolutamente una  fragola), non sono  molto soddisfatta  per la  qualità della pdz, che per la fretta ho acquistato al supermercato, quindi il risultato non è stato  come lo avrei voluto; la torta di rose  salata  è venuta bene e anche le  bombe, poi posterò le ricette mancanti, appena  avrò un po' di tempo  che ultimamente  scarseggia!!! 
Auguri  amore di nonna











mercoledì 3 giugno 2015

le ricette di rebecca






COZZE AL MIRTO


Ingredienti per  quattro persone

4 chili cozze
4/5 rametti  di mirto  fresco
2  spicchi aglio
olio extravergine d’oliva
peperoncino q.b.

Preparazione:

in una  padella  capiente e dai  bordi alti mettere quattro giri di olio, l’aglio senza  camicia, peperoncino secondo  gusto ed il mirto; scaldare , senza  friggere , unire le  cozze, coprire. Quando le  cozze  saranno  aperte  servire  , guarnendo  con  un poco



 di mirto  fresco .

Il commento di  Rebecca:


ho assaggiato  le  cozze al mirto in un locale  a  La  Maddalena, non ho  chiesto la ricetta , ma  ho provato a  rifarle  perché mi erano davvero piaciute molto : Non  so  se  la ricetta originale  sia  questa , ho  fatto di testa mia   in maniera molto semplice , il risultato è ottimo  specialmente  se le  cozze  sono  buone. Si può usare anche il mirto essiccato , vengono  bene , ma meno profumate.










sabato 16 maggio 2015

le ricette di rebecca








PIZZA CARCIOFI  SALSICCIA  E PROVOLA  A LUNGA  LIEVITAZIONE

ingredienti per  quattro/sei  persone

300 gr. lievito  madre
100 gr .  farina manitoba
500 gr.  semola rimacinata
400 gr.  farina 0
80 gr. fiocchi  patate  disidratate
2 e ½ cucchiai olio extravergine d’oliva
700 gr. acqua
2  bicchieri passata  di pomodoro
1 cucchiaino miele
sale  q.b.
4  carciofi
4 salsicce
200 gr. provola  affumicata
1 mozzarella

Preparazione:

in una  ciotola  sciogliere il l.m.  con 200 gr. di  acqua , temperatura  ambiente e la  farina manitoba , mescolare  bene  fino  ad ottenere una  crema, lasciare  riposare  coperto  da un panno. In un’altra  ciotola  mettere le restanti  farine  con il miele  l’acqua ed i fiocchi  di patate , mescolare  velocemente  con una  forchetta ,  coprire  e lasciare  riposare. Trascorsa un’ora  circa di  riposo unire i  due impasti  mescolarli insieme  e  riposare per altri trenta minuti  sempre nella ciotola coperta  da un panno. Unire il  sale  e rovesciare  sulla  spianatoia  bene infarinata, sarà necessario infarinare  spesso  perché la pasta è molto morbida. Lavorare  impastando  e tirando la pasta lateralmente , tipo  orecchie  e riportare le stesse  verso il  centro , ripetere più  volte  l’operazione  girando  l’impasto. Quando  la pasta  sarà  bene incordata  , sempre morbida ma non  appiccicosa , mettere in un  recipiente  capiente,  coprire  con un panno  e sopra  a questo un  foglio di plastica, lasciare in  frigo per 10/12 ore ( si può lasciare  anche 24 ore) Tirare  fuori  dal  frigo la pasta  e continuare la lievitazione  per  un paio di ore , o comunque  al raddoppio.
Nell'attesa  pulire i  carciofi  farli  a spicchi e cuocerli in tegame  con olio  prezzemolo e poca  acqua. Spellare le  salsicce passandole prima  sotto l’acqua  fredda, tagliare  a dadini la provola  e a strisce  la mozzarella.
 Riprendere la pasta lievitata e scodellarla sulla spianatoia infarinata, dividere l’impasto per le teglie utilizzate (es. due  teglie , due parti di pasta), con questa quantità si possono fare quattro  teglie, rettangolari 35x50 circa, realizzando pizze sottili . Stendere la pasta a forma rettangolare, metterla nella teglia leggermente oliata , ad adattare la pasta al fondo della teglia modellando  con le mani fino a coprire bene il fondo stesso. Spargere sulla pasta un velo di passata di pomodoro condita con olio e sale, distribuire la salsiccia  a pezzetti , 


gli spicchi di carciofi .la provola. Infornare a forno, funzione pizza,  caldo al massimo , appena infornato  abbassare a 200°, quando sarà quasi pronta 


unire la mozzarella a striscioline e terminare la cottura a 180°.

Il  commento  di Rebecca:

pizza  molto  digeribile  perché  con l.m. e perché più lievita  e più è  leggera, gustosa  croccante  fuori e morbida nell'interno , davvero  soddisfacente. Il  condimento  carciofi  salsiccia  e provola  è  decisamente  gustoso , difetto …..non  si  riesce a  resistere  e  finché non  finisce non ci si  ferma!







domenica 10 maggio 2015

le ricette di rebecca








FETTUCCINE  CON GORGONZOLA AL TARTUFO

Ingredienti per 4 persone.

500 gr. fettuccine  all'uovo
300 gr. gorgonzola  al tartufo
mezzo  bicchiere  di latte

Preparazione

Per la pasta  fresca  acquistare pronta o seguire la  ricetta.
Per il  condimento :sciogliere il  formaggio  in una padella  con il latte a  fuoco lentissimo , intanto  cuocere la pasta in  abbondante  acqua  sapida , buttare a  bollore  . Quando le  fettuccine  saranno  venute a galla , scolarle e versarle  nella padella  con il  formaggio sciolto, aggiungere un poco di acqua  di cottura  e


 mantecare , servire  calde.

Il  commento di Rebecca:

altro  sfizio  che  ci siamo  tolti  . Abbiamo  visto  questo  formaggio  alla  mostra  del tartufo a Città di Castello
e, incuriositi,  lo abbiamo  acquistato. Su consiglio e indicazione del  venditore,  ho  fatto questa  pasta , molto molto  gustosa  anche  per me  che non  vado pazza  per il gorgonzola, naturalmente è stata  realizzata  subito  dopo l’acquisto , a novembre , la ricetta  era in  …fila per  essere postata








domenica 19 aprile 2015

le ricette di rebecca








BROWNIES  CLASSICI E ALL’ARANCIA


Ingredienti:

175 gr.  burro
200 gr. cioccolato extrafondente
100 gr. farina
200  zucchero
5  gr. lievito
20 gr. cacao amaro in polvere
2 uova
1 pizzico di sale
30 gr. nocciole
scorza di arancia  candita q.b.
cannella in polvere q.b.

Preparazione:

in un tegamino  a bagnomaria , o a fuoco moderato, sciogliere il  burro ,


 unire il  cioccolato spezzettato ed il cacao  , con una  spatola  amalgamare  bene , lasciare intiepidire. 


In una  terrina  capiente montare le uova con lo zucchero , 


unire al composto la  crema di cioccolato  piano , a filo , mescolando, amalgamare bene .
 Mescolare la  farina con  il  sale , la  cannella, circa mezzo cucchiaino, ed il lievito, passare il tutto al  setaccio


  ed unire  al composto. Dividere l’impasto in  due parti , 


ad una  unire le  nocciole tritate  grossolanamente


 all'altra la scorza  candita  tagliata  a pezzettini   irregolari . 


Mettere gli impasti  in  due  teglie, con  carta forno  a misura   , oppure in una unica  teglia , ma divisi  dalla carta  forno. Cuocere in  forno  caldo a 180° per circa 35 minuti, poi lasciare in teglia per  altri  10 minuti 


quindi  sformare  e



 tagliare  a quadrotti , servire  freddi.

Il commento di Rebecca:

andrebbe messo un  avviso per  questi  dolcetti e  dovrebbe suonare pressappoco  così “attenzione possono dare dipendenza”. Non  bellissimi da  vedere ma  proprio  buoni , per  chi ama il cioccolato. Ho voluto una versione  con la scorza di arancia  candita  perché secondo me   con il cioccolato  sposa  benissimo , unico difetto , calorie  a parte , finiscono  subito…….





martedì 7 aprile 2015

le ricette di rebecca












LE TRADIZIONI DI PASQUA IN  TAVOLA A CASA REBECCA



Ingredienti per la  pizza al  formaggio con l.m.
e per la preparazione vedi  qui 

variante . ho impastato prima le uova  con il lm., poi  ho  aggiunto  gli  altri ingredienti   facendo  passare  qualche  minuto  di  riposo tra un passaggio  e l'altro.


Ingredienti per la  colomba  con l.m.
e per la preparazione  vedi  qui



variante :la  glassa  fatta con  ganache  con 400 gr. panna liquida non  zuccherata , vegetale  senza grassi  idrogenati, e 400 gr. di  cioccolato  extrafondente, si scalda la panna  al massimo e  si cola nel  cioccolato  spezzettato, si mescola  fino  a ché si sciolga  tutto , intiepidire. In una padellina  antiaderente  tostare  200  gr.  di nocciole . ricoprire le  colombe  con la  ganache  quasi  fredda ,dopo averle tolte  dallo  stampo, porre le nocciole   affondandole un poco  nel cioccolato e  ricoprirle  con  dei  ciuffetti  dello stesso ,


 mettere in  frigo per una mezz'ora , poi  reinserire  nello stampo  e  confezionarle  in una  busta  di  cellophane  con  un bel  fiocco. 

Il commento di Rebecca:

tradizione pasquale  di  casa è la pizza al formaggio , retaggio delle mie origini umbre, buonissima  e morbidissima  ogni  anno  viene  meglio ,  la mia  signora pm più invecchia  è più mi  da  soddisfazioni! Da qualche  anno  si è  aggiunta anche la tradizione  delle  colombe fatte in  casa, la base  è  sempre la  stessa  con la pm, cambio ,però, la  copertura  , quest'anno particolarmente  golosa,infatti hanno preso  subito il...volo!









sabato 4 aprile 2015

messaggio di rebecca







Buona Pasqua 

a voi tutti un augurio di  serenità che  vada  anche oltre i giorni  di festa



martedì 31 marzo 2015

le ricette di rebecca







PASTA COZZE  E PECORINO


Ingredienti per  quattro persone

400 gr. vermicelli
600 gr.  cozze
1  scalogno
peperoncino in polvere q.b.
1  ciuffo prezzemolo
1  bicchiere di passata  di pomodoro
pecorino  grattugiato  q.b.
olio extravergine  d’oliva


Preparazione:
in una padella  mettere le  cozze , pulite, a fiamma  vivace, come  iniziano a d  aprire  le  valve  spegnere il  fornello e  lasciare  nella padella   con  coperchio.
In un’altra  padella  capiente , dovrà  contenere poi  anche la pasta, mettere due  giri  di olio  lo scalogno  affettato  e fare  scaldare , unire la  passata , il prezzemolo , lavato e  spezzettato, poco peperoncino , e l’acqua  delle  cozze  filtrata, lasciare  sobbollire  per una  decina di minuti. Nel  frattempo  togliere le  cozze  dalle  valve , lasciandone  qualcuna intera per  guarnire il piatto. 


Unire  alla fine un paio di giri  di  olio e le  cozze sgusciate , testare  se  il  sugo è  saporito  o necessita  di una  aggiunta  di  sale , di solito non  serve, altrimenti  aggiustare , se  dovesse  risultare particolarmente  saporito  evitare di salare l’acqua  della pasta. Fare  andare il sugo  a  fuoco lento  per pochi minuti poi  spegnere e lasciare  riposare. Portare l’acqua  a bollore  buttare la pasta  togliere  a metà  cottura  , porre la stessa nella padella  con il  sugo,


 terminare la  cottura in padella  aggiungendo  tanta  acqua , di cottura  della pasta ,  quanta ne  necessita. A termine  cottura, spegnere  il  fornello lasciare riposare un minuto  con il  coperchio, poi  


servire calda  con una  spolverata di pecorino .

Il commento di Rebecca:


una pasta  che  a noi  piace  moltissimo , gustosa ed  appagante , mette di  buon umore. Quando l’ho  assaggiata la prima  volta  ero molto scettica  sull'uso  del pecorino  con il pesce , mi sono dovuta  ricredere  perché sposano  benissimo, infatti  da allora  lo uso anche  su altre paste al sugo  di pesce.




domenica 22 marzo 2015

le ricette di rebecca










BIGNE’ DI  SAN  GIUSEPPE  AL  FORNO 

REBECCAMENTE....MODIFICATI


Ingredienti per 10/12 bignè  grandi:

200 gr. acqua
100 gr. burro
130 gr. farina 00
4 uova
1 pizzico di sale  
1 cucchiaino di  zucchero
 crema ganache
50 gr. cioccolato fondente
50 gr. panna  da montare vegetale zuccherata senza grassi idrogenati
crema chantilly
2 uova di  crema
100 gr. panna  da montare zuccherata vegetale senza grassi idrogenati

Preparazione:

montare i 100 gr. di panna . preparare la crema chantilly, realizzata con due uova di crema  dove andrà aggiunta, una volta fredda,  la panna montata precedentemente. Preparare la ganache  di cioccolata  sciogliendo il cioccolato fondente di qualità nella panna liquida vegetale zuccherata, senza grassi idrogenati , bollente; lasciare intiepidire .
Mettere in un tegame inox con un buon fondo l'acqua, il sale, lo zucchero e il burro, che deve sciogliere.
Quando l'acqua bolle ed il burro sarà sciolto, togliere il tegame  dal fuoco e versare la farina tutta in una volta. Mescolare bene per evitare che si formino i grumi. Rimettere sul fuoco e continuare a mescolare finché la pasta non si stacchi e formi un unico blocco una sorta di pasta liscia e inizi a sfrigolare.
A questo punto  togliere dal fuoco e lasciare intiepidire. Aggiungere le uova, sbattute  con la  frusta , poco alla  volta: non aggiungere l'uovo successivo finché il precedente non sia completamente assorbito. L’impasto finale sarà una crema densa e consistente.(foto del procedimento  qui ) 


Distribuire l’impasto, sulla placca con la carta forno, aiutandosi  con un cucchiaino, o  con il  sac a poche a formare dei  mucchietti regolari e distanziati . Infornare  a forno caldo  a 220°, altrimenti non gonfiano, cuocere per circa 20 minuti, attenzione ad abbassare la temperatura a  200° dopo 10 minuti. Una volta cotti vanno lasciati in forno  spento e con lo sportello aperto fino a ché siano freddi , altrimenti potrebbero sgonfiare. Altro  sistema , consigliabile  se  si ha un  forno  potente  e si vuole usare il termo ventilato : infornare  a forno  caldo alla massima  temperatura  chiudere lo sportello e  spegnere il  forno per 10/15 minuti , riaccendere a 170°e cuocere per  altri 15 minuti,





 poi  lasciare  chiuso e spento il forno per  altri  10 m. e alla fine  fessurare lo  sportello mettendo un manico  di cucchiaio di legno e lasciare  freddare.



Quando  i  bignè  saranno  ben  freddi  riempire  di  crema usando il  sac a poche , 


facendo un  forellino  sotto , oppure  tagliare  a metà  e farcire di crema. 


Colare  dall’apice  dei  bignè la  ganache  tiepida



e guarnire  con un poco  di panna lasciata  da  parte.

 Il commento  di Rebecca:


fare i  bignè è  sempre un …rischio , più che  altro è la  cottura  che mi  da pensiero , da  quando ho il  forno nuovo   c’è  sempre il  rischio  che mi  si colorino  gli impasti  troppo  presto  e non  cuociano  bene  dentro , infatti ho  dovuto  abbassare prima la  temperatura, si stavano  abbronzando” troppo,  e  alcuni  si  sono  abbassati,  comunque  sono  venuti  buonissimi e sono praticamente  spariti . La tradizione li vuole con  la  crema pasticcera  bella  consistente , a noi piace   con un po’  di panna   quindi  sono  rebeccamente  modificati , anche   esteriormente , rispetto alla tradizione.













giovedì 19 marzo 2015

le ricette di rebecca









GNOCCHETTI GAMBERI E CARCIOFI AL PROFUMO DI LIMONE

Ingredienti per quattro persone:

1 kg. gnocchetti di patate
2 carciofi
1 scalogno
1 ciuffetto di prezzemolo
6 cucchiai  di passata di pomodoro
6 gamberi (media misura)
1 limone non trattato
1 bicchierino di  brandy
5 cucchiai olio extravergine di oliva
sale q.b.

Preparazione:

Pulire i carciofi eliminando le foglie dure, pulire anche i gambi eliminando la parte legnosa, strofinare con il succo di limone e sciacquare. Ridurre a fettine fine i carciofi e a rondelline , sempre fine, i gambi; porre in una padellina con mezzo bicchiere d’acqua ed il prezzemolo, salare , coprire e lasciare cuocere a fuoco lento fino a che l’acqua non sia ritirata. A parte in una padella dai bordi alti, capiente per  accogliere poi  anche  gli  gnocchi a mantecare, far soffriggere a fuoco lento lo scalogno 


con l’olio e i gamberi sfumare con il brandy; quando il  brandy sarà  consumato  togliere i  gamberi  dalla padella e metterli da parte in  caldo; al  sugo  dei  gamberi unire la passata, i  carciofi ,far sobbollire per 10 minuti circa, se necessario aggiunger un bicchiere di acqua calda, alla fine aggiungere la buccia grattugiata del limone e due gamberi sbucciati e tagliati in dadi, lasciare sul fuoco per qualche minuto ancora, poi togliere dai fornelli. Nel frattempo
in abbondante acqua, cuocere gli gnocchi, sappiamo che quando vengono a galla sono pronti, scolarli e metterli nella padella con il sugo.



A fuoco lentissimo mantecare gli gnocchi per qualche minuto, se necessario aggiunger un poco di acqua di cottura, togliere dai fornelli,
impiattare e guarnire con un  gambero su  ogni piatto.

Il  commento  di Rebecca:

un piatto  già postato all’inizio  di questa  avventura  chiamata  blog . Lo  ripropongo perché  è un piatto  che merita ,  buono  e stuzzicante  con il  gusto  del limone , che lascia un  buon  sapore in bocca. Espressamente  richiestomi  da mia  figlia , l’ho  fatto ieri  sera per  la  cena  di  compleanno  dei miei  gemelloni i miei  cuccioli ….cresciuti.