sabato 23 aprile 2016

le ricette di rebecca









VERMICELLI AL SUGO DI PALAMITA



Ingredienti per quattro persone:

400 gr. vermicelli
1 palamita da 500/600 hg.
800 gr polpa di pomodoro pelato
 1 cucchiaio capperi
olio extravergine d’oliva
1 scalogno
sale q.b
pecorino  grattugiato.
peperoncino in polvere q.b.


Preparazione :

tagliare  a tranci  la palamita precedentemente  eviscerata e squamata. In una padella  capiente  mettere tre cucchiai di olio e lo scalogno  affettato  fare scaldare, attenzione a non  bruciarlo, quando si sente il profumo  mettere il pomodoro , il peperoncino secondo gusto e i  capperi , fare andare il sugo per  cinque minuti , poi mettere i tranci  di pesce ,aggiustare di sale, coprire  con il  coperchio e fare cuocere a fuoco lento. Togliere il pesce  e metterlo in un piatto da portata  coperto  con un poco  di sugo, servirà  da secondo piatto.
Cuocere i vermicelli in abbondante  acqua  salata , buttare  al bollore ; mentre la pasta cuoce  mettere sul fuoco la padella  con il  sugo , allungare con un po’ di acqua della pasta . Togliere i vermicelli   quando sono a metà cottura e metterli nella padella con il sugo allungato , 


irrorare  con un paio di giri di olio e mantecare nel sugo  fino a fine cottura , lasciare riposare qualche secondo e servire  con pecorino grattugiato.

Il commento di Rebecca:

non conoscevo questo pesce, lo abbiamo provato su  consiglio  del pescivendolo  e devo dire  che è davvero buono. Poco sponsorizzato  e tacciato di bassa qualità non ha nulla da invidiare  ai suoi parenti altolocati. la pasta è venuta ottima  e il piatti sono stati tirati a lucido a forza di "scarpette"!








venerdì 8 aprile 2016

le ricette di rebecca







PIZZA DOLCE DI PASQUA CON L.M.


Ingredienti:
250 gr. lievito madre
250 gr. farina manitoba
250 gr. farina 0
100 gr. burro morbido
4 uova
100 gr. latte
1 pizzico di sale
Aromi
buccia grattugiata di 1 limone
buccia grattugiata di 1 arancio
1 fiala di aroma vaniglia
1 bicchierino di sambuca
1 pizzico di noce moscata
1 cucchiaino di cannella  in polvere

Preparazione:

in una ciotola mettere il lievito con il latte , a temperatura  ambiente, 100 gr. di manitoba   mescolare  fino ad ottenere una pastella , lasciare lievitare per un’ora, coperto  con un telo. Nel frattempo mettere in infusione  nella  sambuca tutti gli aromi.
Passata la prima lievitazione montare le uova  con lo zucchero ed il sale, in un’altra ciotola,  aggiungere i tutto all’impasto lievitato , unire poi la restante farina , incorporare bene  tutti gli ingredienti, aggiungere  la sambuca con gli aromi  e  da ultimo il burro morbido. Impastare fino ad ottenere un impasto  compatto ma morbido, lasciare riposare per una altra ora  coperto. 


Trascorso il riposo mettere la torta nella teglia precedentemente imburrata ed infarinata  e


 lasciare lievitare fino al raddoppio, comunque  almeno 8/10 ore.


Cuocere in forno caldo a 190° per circa 45 minuti, controllare  che sia  dorata  e fare la  prova stecchino.  Sformare una volta che si sia  intiepidita e servire fredda.

Il commento di Rebecca:

la mia prima esperienza di torta dolce  pasquale tradizionale è stata molto soddisfacente  , la pizza/torta è piaciuta molto a tutti i  commensali ; morbida profumata  e gratificante al palato , buonissima  accompagnata all'uovo di cioccolata, un successo sia  per la colazione pasquale  che  per il fine pranzo.
Ho visto  la ricetta in internet , varie  ricette in  verità , tutte  con il lievito  di birra, quindi ho estrapolato  dagli ingredienti  base  ricorrenti nelle  varie  versioni  la mia ricetta , ma rigorosamente  con il lievito madre. Per chi volesse cimentarsi senza lievito  madre sostituirlo  con 30  gr. di lievito di  birra fresco, il procedimento è lo stesso , la lievitazione finale  sicuramente più veloce , 2/3 ore dovrebbero essere sufficienti. La cottura  è sempre legata  al tipo di forno , con il termoventilato elettrico è più veloce  quindi attenzione alla coloritura, noi abbiamo acceso il forno a legna e  sinceramente ho temuto per il risultato , ma è venuta benissimo   con una ora di cottura.




Con questa ricetta partecipo al  contest di sabrina in cucina "festeggia con me"


"

martedì 29 marzo 2016

le ricette di rebecca








PASQUA 2016
 COLOMBE, PIZZE AL FORMAGGIO E PIZZA DOLCE UMBRA, TUTTO CON L.M.

Ingredienti
per la copertura:
400 gr. cioccolato extrafondente
200 gr. panna liquida vegetale senza grassi idrogenati
1 tazza di mandorle fresche
zucchero di canna


per la pizza dolce 
prossimo post

Preparazione 

Colombe
fare riposare l'impasto tra i vari passaggi. Dal primo al secondo impasto ho atteso circa 20 ore, il secondo impasto ha riposato circa cinque ore  prima di formare le colombe , poi la cottura dopo altre dieci ore, sono venute  molto  soffici , l'impasto era  bene incordato e lucido, le migliori da quando le faccio. Nell'impasto ho messo solo canditi tritati finemente, così non si sentono, e la copertura  con la ganache al cioccolato, facendo sciogliere il cioccolato spezzettato  versandoci sopra la panna bollente ,poi stiepidito e versato sulle colombe , sopra a decorare



  mandorle intere  passate in padella a caramellare, con tre abbondanti cucchiai di zucchero di canna  .





Pizza al formaggio
vedi ricetta
consiglio lasciare riposare tra un passaggio e l'altro , la pasta deve essere bene incordata  lievitazione minima tredici ore,


 poi cresce benissimo in forno.

Il commento di Rebecca :

senza falsa modestia  devo dire che  quest'anno è venuto tutto benissimo , che soddisfazione questa pasta madre!









sabato 19 marzo 2016

le ricette di rebecca









TORTA BACIO

Ingredienti per  10/12 persone:
BASE
pentola   diam 20 cm.
100 gr. farina 00
50 gr.  fecola  di patate o frumina o amido di mais
150 gr.  zucchero
6 uova
1 bustina di lievito per  dolci
1 fiala aroma  vaniglia
1 pizzico di sale
150 gr. cioccolato extra fondente
75 gr.  burro
RIPIENO E DECORAZIONE
400 gr. nutella
500 gr. panna  da montare ( vegetale  senza  grassi idrogenati  zuccherata)
1 tazza piena  nocciole tostate
300 gr. cioccolato  extrafondente

Preparazione:
Il procedimento  è un poco lungo  conviene iniziare la mattina prima di quando si vuole servire la torta.
Mattina primo giorno
La Base:
In una ciotola  a bagnomaria (immersa in un tegamino  con acqua  calda  sul  fornello a fuoco moderato)  fare sciogliere il cioccolato , quando sarà ben sciolto  toglierlo  dal tegame  del bagnomaria ed aggiungere il  burro , mescolare  fino a completa amalgamazione , lasciare  da parte.  Montare a neve  con le fruste le chiare  delle uova, quando  iniziano ad  addensare  unire  a filo  la metà dello  zucchero e terminare l’operazione ; da parte montare a spuma  i tuorli  con la restante metà dello zucchero. Riprendere il cioccolato  fuso con il  burro che sarà  tiepido,  e  colarlo nei  tuorli montati, amalgamare  con un cucchiaio di legno ,una volta  incorporato ,  unire anche  gli albumi montati  , sempre  amalgamando  dal basso in alto in modo da mantenere il  composto  ben montato.  Mischiare la farina la fecola il lievito ed il sale , setacciarli tutti insieme  e unire  piano piano al composto amalgamando lentamente , la cosa importante  è cercare  di non  smontare il composto. Versare l’impasto nella pentola  imburrata e spolverata di farina. Cuocere in  forno caldo a 180° per  circa 60 minuti, fare la prova dello stecchino.


 Lasciare raffreddare in forno aperto  e  sformare.
Pareggiare  la cupola della torta tagliando l’apice,  deve  rimanere piatta la parte dove andrà posizionato il “nocciolone”. Tagliare la parte alta della torta ad ottenere una sorta di coperchio, all’altezza di un paio di centimetri; 


 scavare la parte centrale della torta  lasciando  i soliti  2 cm. tutto intorno e  alla base.
Intanto montare 300 gr. di panna, sbriciolare i due terzi delle  nocciole.
“il Nocciolone”:   
foderare una tazzina ( diametro cm.8 profonda cm.6)


con della pellicola  da cucina, e mettere dentro  bello compresso ,un composto che si sarà preparato  con  le briciole  della torta  un paio di cucchiai di  nutella e un cucchiaio di panna  con qualche nocciola intera, deve essere piuttosto consistente non troppo morbido, 


dopo aver riempito la tazzina  comprimere  bene  con il dorso d un cucchiaio da portata , mettere in frigo per  almeno un paio di ore.
Preparare il ripieno per il “BACIO”:
in una ciotola mettere  la restante nutella, la panna montata , 


le nocciole e un poco di briciole della torta asportata e qualche pezzetto di cioccolato ,


 mescolare bene  e inserire nel  buco della torta  compattare


 e mettere il “coperchio”, mettere in  frigo per un paio di ore , per tenere bene in forma la torta  legare uno strofinaccio pulito intorno alla circonferenza  a mo’ di  cinta.
Pomeriggio/Sera primo giorno
Preparare la  ganache  : portare a bollore 200 gr. panna, spezzettare  300 gr. di cioccolato , quando la panna bolle  versarla nel cioccolato e mescolare fino a ché non si sciolga tutto in una crema, lasciare intiepidire.
Assemblare la torta:
sformare il “nocciolone”; sul coperchio della  torta , al centro dove abbiamo pareggiato  la cupoletta,  mettere uno strato di ganache  e posizionare il nocciolone.


 Porre la torta  sopra la grata  e colare la  ganache al cioccolato a ricoprire il tutto. Mettere in frigo  fino alla mattina dopo.
Mattina secondo giorno
Prendere due fogli di alluminio per alimenti e


 dalla parte opaca fare  con un pennarello azzurro indelebile la  classica scritta  BACIO e le stelline, incartare il bacio,


 per coprire  bene  ci vogliono due  fogli , quello con la scritta  va posizionato sopra , naturalmente , conviene copiare  dall’originale. Ritagliare con un taglierino l’eccesso di carta, con  attenzione perché si strappa  facilmente poi  con un  coltella accostare  bene  l’alluminio al perimetro della  base della torta, 


rifinire  con un bel  fiocco blu  e una rosa dello stesso colore. Riporre in rigo in attesa di servire.

Il commento di Rebecca:

torta di compleanno


 per i miei  cuccioli  quarantenni, mamma mia  come volano gli anni !I gemellini  sono diventati adulti e hanno la loro famiglia , ma per me sono sempre i miei  cuccioli e mi viene  voglia  di coccolarli  come tanti anni fa……….









domenica 13 marzo 2016

le ricette di rebecca









PANBAULETTO BRIOCHE


Ingredienti

125 gr. lievito madre
150 gr farina 00
100 gr. farina manitoba
 40 gr. fiocchi di patate (preparato per  purè)
200 gr. latte
  50 gr. burro
1 tuorlo
1 uovo
1 c/no zucchero
1 c/no sale
1 fialetta  aroma limone o la scorza grattata di mezzo limone

Preparazione:

in una ciotola sbattere il lievito con le uova ,unire poi  nell’ordine il latte , le farine, i fiocchi di patate, il sale lo zucchero, il miele  e l’aroma da ultimo , dopo avere impastato per alcuni minuti , il burro. incordare  bene , poi fare le pieghe  a pacchetto , tirando i laterali della pasta  e riportandoli al centro  per  tre / quattro  volte , lasciare lievitare  coperto  per un paio di ore.
Dividere l’impasto in due parti  ,


 arrotolare ognuna su se stessa, mettere nello stampo da plum cake, fare ancora lievitare al raddoppio. 


spennellare  con rosso d’uovo e latte. In forno a 180° per 15/20 minuti.


 Raffreddare prima di consumare.

Il commento di Rebecca:

 panbrioche  da mangiare  con il dolce o con il salato , buono morbido e profumato , si conserva molto bene nella  busta  di cellophane , è una ottima soluzione per merende e colazioni.








con questa  ricetta partecipo al contest di SABRINA IN CUCINA

lunedì 29 febbraio 2016

le ricette di rebecca










ZUPPA CAVOLO NERO  E FAGIOLI

Ingredienti per sei persone:

700 gr. cavolo nero
200 gr. fagioli secchi (cannellini o boccetti)o 400 gr. cotti sgocciolati
2  carote
1 scalogno
1 costa  grande di sedano
1 cucchiaino scarso di  finocchietto selvatico essiccato
4 cucchiai di polpa di pomodoro
peperoncino q.b.
1 cucchiaino scarso di timo essiccato
sale
olio extravergine
pane raffermo  bruscato

Preparazione:

mettere a bagno i  fagioli secchi per 12 ore  e poi  cuocerli a  fuoco basso, in abbondante acqua.
Sfogliare il cavolo nero  eliminando le parti dure, passare in pentola  a pressione per  cinque minuti  dopo il  fischio,



 scolare e tenere a parte.


In una pentola mettere 3 cucchiai di olio con  carota sedano e scalogno a pezzi, far soffriggere  senza  bruciare a fuoco lento, rimestando; unire la polpa di pomodoro con un poco di acqua tiepida, cuocere per qualche minuto poi frullare il tutto  con il pimer e


 unire il cavolo tagliato a listine, metà fagioli e l’acqua di cottura degli stessi , se si usano quelli precotti confezionati  usare la loro acqua di conservazione, il finocchietto ,il timo ed il peperoncino . Cuocere  a fuoco lento, con il  coperchio,  per quaranta minuti, se necessario  aggiungere acqua , o brodo , caldo.


 Aggiustare di sale  e unire i restanti  fagioli, cuocere per altri  venti minuti  a fuoco lentissimo. Fare riposare la zuppa per almeno una ora ,nel frattempo bruscare il pane. Prima di servire la zuppa   portarla ad ebollizione. Servire  caldissima  con il pane  bruscato e un generoso giro di olio extravergine di qualità.

Il commento di Rebecca:

non è una preparazione veloce , ma se ci si organizza preparandola il giorno prima diventa una  comodità perché  basta poi  scaldarla ed è pronta in tavola.  Più si riposa più prende sapore. L’ho fatta più di una volta , prima ho usato dei fagioli secchi che avevo in congelatore , dell’orto di mio zio , al paese li  chiamano  boccetti , sono dei fagioli tondi bianchi molto buoni , ma altrettanto introvabili  nei supermercati o nei mercati  che  frequento ; finiti  ho usato i cannellini in scatola precotti , buoni , ma non  come i boccetti . Comunque  questa  zuppa toscana  simile alla ribollita è stata un scoperta  piacevole, consigliata specialmente nelle  giornate  fredde  o tempestose  tipo oggi!




venerdì 19 febbraio 2016

le ricette di rebecca







BOTTONI ALLA NUTELLA (PASTICCINI)

Ingredienti

175 gr. farina 00
1 uova
45 gr. zucchero
70  burro temp. ambiente
1 pizzico d  sale
1 fiala  aroma  vaniglia
1 cucchiaino di lievito in polvere per dolci
nutella q.b.

Procedimento:

in una ciotola  mettere il  burro a pezzetti e la farina , impastare  con la punta  delle  dita  sbriciolando  finché  burro e  farina  non siano  ben  amalgamati  pur  restando, il  composto, una  sfarinata. Unire tutti gli altri ingredienti ,   impastare  velocemente, formare una palla e metterla  coperta in frigo per almeno 1 ora. Riprendere la pasta  e togliere  circa un quarto per le rifiniture, stendere sulla spianatoia  ben infarinata la frolla , abbastanza sottile, con un  bicchierino con uno stampo circolare (diam.cm.3) ricavare dei tondi. 


Chiaramente si possono usare altri stampi e fare dei fiori o delle stelle o


 degli animalini, questi ultimi senza nutella, a proprio gusto. Disporre  sulla teglia  con la carta forno  i tondi di frolla , si ciascuno di essi porre , al centro , un cucchiaino scarso di nutella, o di marmellata. Con la pasta  precedentemente  tolta  fare  dei filoncini , allungare molto  fino ad ottenere dei cordoncini tagliare  e mettere intorno alla nutella il cordoncino a misura, bagnare con un poco di acqua le  estremità, del cordoncino, in modo che attacchino 


 bene a chiudere il bottone di nutella, livellare la nutella con la parte inferiore del cucchiaino  inumidito con dell’acqua 
In forno caldo a 180° coperto  con un foglio di alluminio per 25/30 minuti. 


Servire  freddi.

Il commento di Rebecca:

di solito faccio qualche  biscottino se mi avanza un po’ di frolla  da una  crostata , ma questi sono  davvero golosi e allora faccio la frolla proprio per questi dolcetti , si mantengono  bene nelle scatole di latta da biscotti, ma tanto non durano a lungo….. con questa dose e questa misura ne  vengono 30 c/a



giovedì 11 febbraio 2016

le ricette di rebecca






FRAPPE E CARAMELLE DI CARNEVALE

Ingredienti

Pasta
250 gr. farina 00
2 uova
25 gr. burro morbido
20 gr.zucchero semolato
1 scorza di limone grattata
mezza scorza di arancia grattata
6 gr.lievito in polvere per dolci
1 pizzico di sale
1 bicchierino di liquore (grappa/brandy/rum/etc.)
Varie
zucchero vanigliato q.b.
Nutella q.b.
Cioccolato extrafondente q.b.
1 litro olio di arachidi
2 cucchiai di aceto

Preparazione:

in una ciotola  capiente  mettere la farina ed il lievito setacciati e tutti gli altri ingredienti per la pasta. Lavorare impastando  con le mani  fino ad amalgamare il tutto , portarlo sulla spianatoia infarinata  e impastare  bene  con  forza  come  si fa  per la pasta  fatta in casa, 


quando otterremo una pasta liscia  fare la  classica palla e lasciarla riposare  sulla  spianatoia  coperta dalla ciotola per una  mezz’ora. Terminato il  riposo  dividere la pasta  in  due  e cominciare


 a passare nella nonna papera  fino ad ottenere  


delle strisce  sottili , ma non  troppo , per le  frappe , un poco più sottili per le  caramelle. Per fare le frappe tagliare delle  strisce secondo fantasie  lunghe  rettangolare o  a rombo  , fare un tagli sulle lunghe  e ripassare un angolo nel taglio  verranno delle  cravattine , se ripassiamo tutte e due gli angoli  verranno dei simil fiori , oppure fare due taglietti in lunghezza , o anche stringere il centro  di un rettangolo  per fare delle farfalle , ci si  può sbizzarrire.
Per fare le  caramelle  bisogna  


mettere  della nutella  sulle  strisce  a distanza , tipo  raviolo, 


 poi richiudere bene  e ritagliare  sempre  con la rotella dentata tanti raviolini , 


poi  girare i lati intorno al centro  con la nutella  a formare una  caramella. Una volta pronte le  varie  forma mettere l’olio e l’aceto in una pentola  capiente , portare a 176° e friggere   i vari pezzi , facendo attenzione  a non metterne  troppi per non freddare l’olio; quando dorano  sono pronti. 


Scolare  sulla  carta  assorbente  e quando sono freddi spolverare  con zucchero a velo le
 caramelle e le  frappe più arzigogolate,   sulle  frappe rettangolari  lisce   colare  del cioccolato fatto fondere a bagnomaria

Il commento di Rebecca:

martedì grasso , tranquillo  e senza programmi , così facciamo le  frappe , ma  mi sembrava troppo semplice  e allora  anche le  caramelle e con la nutella , l’ultima  volta le aveva fatte la mia mamma  con la marmellata di arance moto  buone , ma anche  con la nutella ….non male ! Ormai siamo in quaresima perciò moderazione!