giovedì 21 luglio 2011

le ricette di rebecca





PESCHE DOLCI







Ingredienti:


Pasta Brioche:
250 gr.farina 0
350 gr. Manitoba
4 uova
75 gr. burro
50 gr. zucchero
5 gr. lievito di birra secco
Crema:
1 cedro
1 uovo
40 gr. frumina
50 gr. zucchero
200 gr. latte
Bagna:
500 gr. acqua
300 gr. zucchero
1 cucchiaio di rum
1 bicchiere alchermes

Preparazione:


sciogliere il lievito di birra nel latte tiepido unire 100 gr. di manitoba mescolare lasciare nella m.d.p. per 30/40 minuti; unire poi tutti gli ingredienti, tranne il burro e fare impastare per 10/15m. , infine unire il burro sciolto e freddo, continuare d impastare fino a ché l’impasto risulti lucido, lasciare lievitare fino a raddoppio, circa un’ora ma chiaramente dipende dalla temperatura , il tutto sempre nella macchina del pane a freddo. , Quando sarà lievitato , riprendere l’impasto e formare delle palline staccando dall’impasto pezzi da circa 25/30 gr., posizionare le palline in una teglia con la carta forno , ben distanziate, e lasciare lievitare nuovamente per circa un paio di ore , comunque fino al raddoppio . Preparare la crema : mettere a scaldare il latte con le scorze del cedro, in una tazza sbattere l’uovo con lo zucchero e la frumina formare una crema omogenea, unire il latte caldo a filo e poi mettere , di nuovo il tutto sul fornello e continuare la cottura fino a ché la crema si rassodi e diventi bella cremosa , unire un cucchiaio di succo di cedro mescolare e spegnere il fornello, togliere le scorze, lasciare freddare la crema mescolando per evitare che si formi la pellicina. Preparare anche la bagna mettendo a bollire l’acqua con lo zucchero, lasciare raffreddare ed unire i liquori. Cuocere le brioche lievitate in forno caldo a 180° per un quarto d’ora circa , controllare comunque la cottura, devono risultare dorata. Tuffare le palline nella bagna inzuppare bene strizzare leggermente e passarle subito in una ciotola di zucchero semolato , nella parte inferiore spingere, delicatamente, con un dito a creare un avvallamento, mettere un cucchiaino circa di crema e unire ad un’altra pallina, proseguire fino a terminare le briochine; porre le pesche su un vassoio e decorare con una amarena, o a piacere.

Il commento di Rebecca:


questo è uno di quei dolci che mi ricordano quei tempi lontani in cui una ragazzina , all’uscita dalla messa dei fanciulli, entrava nel laboratorio di pasticceria e si comperava, con grande soddisfazione, una bella pesca rosata e profumata, che delizia! Un ricordo dolcissimo del mio papà, che prima che io uscissi , si metteva la manona in tasca e tirava fuori quei soldini tintinnanti che sarebbero divenuti la mia buonissima pesca della domenica. Quando penso al mio papà il ricordo si trasforma spesso in nostalgia, mi sarebbe piaciuto averlo a fianco più a lungo, ma non siamo noi a decidere e così mi ha lasciato adolescente , alla soglia della vita. Sono felicissima di essere riuscita a fare questo dolce , la famiglia ha gradito molto , sono venute soffici , profumate e buonissime . Un consiglio , con questa dose ne vengono veramente tante , meglio dimezzare, o utilizzare parte dell’impasto per altre preparazioni.

18 commenti:

carla ha detto...

adoro le peschine dolci,mi fanno venire in mente quando ero bambina!
brava!!!da oggi ti seguo!
dai passa a vedere il mio blog apeena nato!
ciao cala

Lady Boheme ha detto...

Bellissime e deliziose!!!! Complimenti, bravissima come sempre, un bacione

Manuela e Silvia ha detto...

Siamo sempre state curiose di assaggiarle! proprio originali e ricercate!
ti sono riuscite beissimo!!
bacioni

Lucia ha detto...

Queste pesche dolci sono assolutamente deliziose e di sicuro le proverò, ma quello che più mi è piaciuto di questo post è il ricordo di tuo padre, tenerissimo, che hai voluto condividere con tutte noi :-)

Federica ha detto...

Rebecca sono eccezionali queste pesche dolci, li ho in lista da fare da un pò!
grazie delle tue visite e dei tuoi simpatici commenti...sto infatti pensando al prossimo gelato da smacchinare!!!!!!un abbraccio!

Marcella ha detto...

Reby cara lo sai che queste ricette in questo periodo non si pubblicano? Non lo sai? Io sarei un pochino a dieta...tra un pò si parte e non vorrei essere rimandata di nuovo alla prova costume...
Per fortuna siamo lontane...Intanto segno la ricetta e a settembre me le faccio tra una ripassata e l'eltra!
Baci

chabb ha detto...

uuuhhh che belle, mi hai messo voglia di farle, sono deliziose!!!

dolceamara ha detto...

Sono buonissime ...guarda là che bell'impasto ti è venuto fuori. Bravissima!!

Dana ha detto...

Qui in Sardegna le trovi facilmente in pasticceria, a volte anche enormi!
Quanto mi piacciono! mi inzucchero sempre tutta la faccia!
Le tue sono perfette!
Può essere che tuo padre e mio padre stiano facendo una partita a carte, può essere.....
Ti abbraccio!

speedy70 ha detto...

Rebecca cara, complimentissimi ti sono venute una meraviglia, che voglia!!!!!!!!!!!!!

cooksappe ha detto...

chissa' come sono! :D

Geillis ha detto...

Lo sai che ricordano anche ame l'infanzia? erano dei pasticcini che andavano di moda, evidentemente: oggi invece non è facilissimo trovarli. Mi facevano impazzire, perchè erano buonissimi ed enormi! quando li trovo in pasticceria, non posso fare a meno di prenderli...ma visto che ho la tua ricetta, ora posso anche provare a farli da me, grazie

Simo ha detto...

...ma quanto brava sei?
Buonissime.......

Patty ha detto...

Ma in che posto meraviglioso vivi? E che acqua stupenda...non so se piangere sulle foto incantevoli del tuo mare o sul fatto che non potrò addentare quelle pesche (che adoro!).
Un abbraccio, Pat

rebecca ha detto...

-carla. mi fa molto piacere!
-Lady, sempre gentile
-Manu e Silvia, sono veramente buone
-Lucia,mi fa piacere questo tuo commento
-Fede,passare da te è sempre un piacere
-Marcella, hai ragione ma verrà il momento di poter gustare , senza esagerare i dolci! la mia dieta è al "mantenimento" obiettivo raggiunto con successo
-Dolceamara, sì l'impasto mi ha data una vera soddisfazione
-Dana, mi piace l'immagine della partita a carte
-cooksappe , buone!
-speedy, sì sono soddisfatta
-chabb, falle vedrai che buone
-Geillis. a Roma andavano proprio di moda , ora un po' meno . peccato
-Simo. sempre meno di te...
-Patty, vivo a Roma , ma le foto sono di La Maddalena, dove, quando posso , scappo a godere di un paradiso di mare come ce ne sono pochi al mondo.
grazie a tutte un grosso abbraccio
ciao Reby

pips ha detto...

io non le ho mai fatte!!!! sarò anche l'unica, però è così ;))) Mi segno la tua ricetta, non me le faccio certo sfuggire!

Mary ♥ Mur ha detto...



I love your post and blog so much!!!.))

I need your help. I spend another survey but this time with another question.
"Where do you prefer to shop? What is your favorite shopping center?"

SingerFood e Chiccherie ha detto...

Un dolce del cuore quindi!? =)
Non avevo mai trovato la ricetta delle pesche con l'impasto realizzato nella macchina del pane, molto interessante!
( PS: splendida la foto del mare nel titolo del blog! )
Buon Pomeriggio!
Francesca di SingerFood & Chiccherie